lunedì 22 ottobre 2007

le mie prigioni


ebbene sììì, intendo estendere l'umor nero dell'angolino del malessere anche in questa fulgente ed allegra colonna rosa...visto che qua si gozzoviglia, un po' di sana e catartica TRISTEZZA nn può fare che bene.
ho riflettuto a lungo su COSA in realtà mi stia rendendo triste, visto che TUTTO VA BENE, come al solito...forse il mal di gola che nn passa MAI??forse il super lavoro fisico di questi giorni che si protrarrà temo ancora a lungo e, ahimè, affiancato dal super lavoro mentale(che sarà dura)?? sì, forse. forse è anche il fatto che ho voglia di uscire ma poi nn ne ho voglia, ho voglia di fare ma poi sono stanca, ho fretta di finire ma lumacheggio e mi fermo su cose insignificanti, annego in un bicchier d'acqua, passo ore a scrivere cose inutili?...forse questo tira e molla infinito, quest'esistenza borderline, questa situazione STRANA mi rende instabile e triste.
forse il grigiume che entra dalla finestra, le pastigline al propoli, le 4 coperte sul letto, il moccio al naso, gli umidificatori alla menta, il corpo acciaccato, la palestra che nn ci si riesce ad andare pur volendo, gli autobus pieni e il sudore misto lana, la ricrescita infinita(patttyyyyy), il colorito malaticcio, il latte e miele, il crollare a letto alle 10, i ricordi estivi lontani....forse è questo pour pourri di vecchiume, di angoscia, di DOVERE che mi attanaglia e nn mi fa respirare...il sapere che è COSA LUNGA, CHE SONO MESI E MESI DI LAVORO, nn settimane......
forse la continua lotta tra il bisogno di distrarsi e il senso del dovere, la compresenza di queste necessità, l'inedita incapacità di conciliare le due cose mi stanno facendo impazzire...l'estremo bisogno di shopping e l'impossibilità di farlo, la voglia di bere qualcosa e il pc che sorride maligno sapendo che è con lui che passerai la notte, il lavoro in famiglia che toglie tempo, fiato e ANNI DI VITA (sn un agglomerato di dolori..)....tutto questo, a cui nn sono abituata, mi rende instabile, anche di umore, scazzata, nera, abbaio contro tutti, nn mi soddisfo con niente, piango a caso.
e forse è proprio questo il punto: nn sono abituata. anni di università senza troppi problemi, la settimana prima dell'esame si studia di bbbbrutto ma per il resto ci si concede tanto, quasi tutto...sempre.e l'ultima estate poi era libertà allo stato puro, gioia giubilo e fattanza. chi è abituato a PRIVARSI, a stare a casa, a muffire, nn fa troppa fatica a dirsi "ECCOCI QUA, FORZA, al lavorooo!!!"...è un po la differenza tra i figli di ned flanders e bart simpson...quelli si esaltano con il gioco in scatola del buon samaritano, lui nn sa più cosa inventarsi per divertirsi un po'....io nn vedo futuro in una giornata passata INTERAMENTE in casa, senza dovermi sistemare per uscire, cosi, in pijama, in versione homo sapiens (e neanche tanto sapiens), con i capelli raccoliti a caso, lo smalto mangiucchiato, le gambe tipo foresta amazzonica, le babbucce di lana, la crema sul viso e sulle mani, la tazza di tisana....aaaaaaa!!!!!impazzisco con 3 giorni di fila cosiiiiii!!!!!e il lavoro in negozio, bellissimo e stancante, è stata solo una distrazione da questo pallido, insapore destino che mi aspetta.....dov è tutto il glitterume...tutta l'euforiiia....LA SPENSIERATEZZA piu che altro...dov'è...per trovarla sconterò la pena...ma che fatica....
malessere è: non sapersi sacrificare, neanche per le cose veramente importanti. ed imparare a farlo è cosa durissima.

19 commenti:

il reggiano ha detto...

Capisco tutto, davvero, tranne l'astio infinito nei confronti del gioco del Buon Samaritano, meraviglioso esempio di demenza senile: è cosi che passo i miei mercoledi sera, insieme agli amici della Bocciofila.

patty ha detto...

selma...nn x insistere sulla solita tesi (aaaargh, che parola, ma qui è in 1 altro senso), xò sta situazione che te definisci "strana", 1po di stallo, ha anche i suoi vantaggi...sì, va bene, sarai anche a casa al pc a scrivere sempre sullo stesso file, xò credimi che quando comincerai a lavorare, sto periodo lo rimpiangerai forte..e lo dico xchè TI CONOSCO bene, e SO X CERTO che nn appena comincerai a dover alzarti tutte le mattine x andare in ufficio o chissà dove ti lamenterai eccome, magari anche + di adesso...se poi pensi che nn ti capiterà e che qsto periodo sia cmq peggiore di quello che verrà in futuro puoi continuare con le lagne, xò dopo nn ti voglio sentire piagnucolare + avanti!!!cosa che NON CREDO nn capiterà---
sei sempre in casa, ma pensa cmq che hai la libertà di poter uscire anche 1oretta se ti va che tanto nn è quella che ti rovina, di alzarti all'ora che ti pare, di fare pausa tv/blog/cazzeggio come e quando ti pare...poi ovvio che devi star sulla tesi xchè la mole è cmq tanta, xò sei molto + libera di quanto nn pensi, l'ELASTICITà x goderti/organizzarti la tua vita è tanta...e vedrai che qndo lavorerai l'aperitivo fino alle 2, da ale alle sette di sera o anche solo la tinta di pomeriggio o 1bel giretto da H&M te lo scordi!!!!io sto x finire RIBADISCO PURTROPPO, nn mi posso certo sottrarre e cerco di affrontare il tutto nel modo migliore possibile, ma ti ho già detto che se potessi temporeggiare ancora 1po sarei la prima a farlo...poi cmq oh..sta situazione ti pesa??sei stufa????hai solo 2mesi neanche selma..poi avrai finito anche tu..e finirai dalla padella alla brace.
(scusami ma lo sai che son schietta)

Giu ha detto...

Selma ti capisco...Anche io appena ho saputo che nn mi laureavo mi sono disperata all'idea di non aver niente da fare (che poi veramente ho ancora il maledetto esame)...Però poi, in effetti, mi sono resa conto che la vita lavorativa è sicuramente piu dura, ti permette meno libertà e soprattutto non ammette errori.
E poi considera che tanto con questo tempaccio e l'estate che nn è piu nell'aria è normale deprimersi 1 po'! Bisogna solo trovare il lato positivo delle cose...
Se poi quando lavorerai, ti accorgerai che per te è meglio lavorare che stare a fare nulla, allora tanto meglio!
Tanto questa vita (per fortuna, lo dico anche io) è solo temporanea...E i mesi passano in fretta!
un bacino! Non ti abbattere!

selma ha detto...

grazie....lo so lo so...grazie del sostegno...che poi, dipende dalla giornata, dall'umore, dal momento...sarà che sn malaticcia pure, e tt mi sembra più nero...
lo so cmq che, innanzitutto, c'è di peggio, e nn è detto che questo peggio nn mi travolga DOPO. però il punto è un altro, anch io adoro poter posticipare la sveglia, stare a casa con la pioggia, vedermi veronica mars e farmi la doccia quando voglio. il punto è che TUTTO QUESTO NN LO FACCIO Nè A CUOR LEGGERO Nè CON IL GUSTO DI UNA VOLTA (tipo la fuga da lezione all'università...nn ha lo stesso gusto di quella da scuola, neanche un po'....)(scusa patty il tasto dolente...e memorabile)e soprattutto MI MANCA LA MOTIVAZIONE, L'ENERGIA, LA VOGLIA DI FARE...somma, nn credo che il lavoro sia un giubilo, e se potessi...boh, farei la milionaria, questo è certo, però...ho anche voglia di cambiare, di chiudere questo ciclo che S'HA DA CHIUDERE e di trovare motivazioni in giro. che sia per archiviare pratiche, per licenziare gente, per distribuire cv e fare colloqui. motivazione, spinta, CURIOSITà. questo è solo un trascinamento grigio della persona che ero una volta.medito ogni gg di iniziare un hobby diverso, ieri pensavo MI ISCRIVO AD ARRAMICATA, prima mi sn detta RI IMPARO A FARE A MAGLIA, l'altro giorno mi sn intrippata con il corso di DECUPAGE, poi quello dei CENTROTAVOLA FLOREALI.....avverto la NECESSITà di una spinta MOTIVAZIONALE, sento il bisogno di ritrovare l'interesse che avevo una volta, anche per quello che studio e che ora nn mi fa vomitare ma ne ho le palle piene e sento che nn è più questo il mio posto, che devo buttarmi nel mondo...anche se il mondo è ben più duro.
è una questione BEN PIù PROFONDA del godereccio COGLI L'ATTIMO, so che così è PIU FACILE, PIU BELLO E PIU EASY, ma mi sento ingabbiata, si cresce e si cambia e so che quando finirà nn sarà sicuramente una liberazione, ma l'inizio di qualcosa di nuovo, stancante, pesante, brutto magari,di un flagello... ma cmq UN CAMBIAMENTO. il che proprio mi ci vuole.

Baol ha detto...

Minchia! Sei un profonda fase down...che posso fare per farti sentire meglio?

selma ha detto...

aspiriiina...temo sia tutto frutto di un megafebbrone.....:/...

grazie baol!:*!

patty ha detto...

si selma, ma tutta sta gabbia che vedi te te la sei costruita nella tua testa e bon xchè..non c'è!!!
va bene che hai da fare, ma mi dici COSA t'impedisce di vivere ancora la tua vita GLITTEROSA??? di fare brigare uscire????DOPO si che la sveglia ALLE SETTE sarà un vero impedimento, ma ora no, sono sbarre mentali quelle che hai intorno!!!!io lo capisco che hai bisogno di un cambiamento, ma sta legnanza avrebbe un senso x una che nn ne vede la fine di sto periodo, nn xuna che finisce tra 2mesi e che, scusa se lo dico, ne ha persi 6 e passa nel cazzeggio + totale!!!poi x forza che questa qua ti sembra 1fase infinita, L'HAI FATTA DURARE TU in un modo infinito!!!e mi dispiace selma, ma il poverina in stile compatimento già nn è mai stato il mio forte, poi ora proprio mi viene ancora di meno...scusa parliamone: posso io, che ho dato 13 esami in un anno, che ho preparato la tesi in due,che ho una nonna moribonda e VIVO AVANTI E INDIETRO dall'ospedale x lei dirti "ah cavoli, si...che problema..ti capisco!!!"...ti dico invece MA CHE PROBLEMA èèè!!!!!!selma, i veri problemi son altri, e quando ti troverai a 2 settimane dalla laurea con un prof che nn ti caga e MILLE problemi di famiglia li capirai, anche se poi in realtà MANCO i miei sono quelli veri e seri x cui vale la pena di affliggersi e crogiolarsi, quindi, dato che tutto questo deriva da te, smettila e ripigliati!!!
tanto il cielo è nuvolo xchè è OTTOBRE e lì ci si può fare ben poco, bon , l'estate è finita da mò ma ci sono altri mesi davanti da vivere AL MEGLIO senza troppe nostalgie canaglie, la tesi a modo suo sta procedendo e tra 1po finirai anche tu e sta fase sarà solo un (nn so se poi così brutto)ricordo.Intanto sappi che niente e nessuno ti impedisce di vivere la vita di prima,l'euforia e quello che ti pare, nn sta scritto da nessuna parte che devi star in casa in pigiama e cn lo smalto smangiucchiato, o che devi passare giornate intere senza mettere il naso fuori!!sei tu che lo fai, ma ribadisco, un'ORA anche solo di giretto in centro o nn so che puoi anche nn negartela, poi del resto vai anche in palestra 3 vv a settimana, vedi ale, aiuti tua mamma nel negozio, nn è vero che nn fai niente!!poi cmq hai la giornata da gestirti interamente, ed è in tuo potere renderla migliore di così..
..e x quanto riguarda la spensieratezza...selma, a 25 anni dovrebbe essersene andata DA MO'!!!!!L'hai persa ora e dubito che la ritroverai nel cassetto di un ufficio.

francesca ha detto...

non ho letto tutti i commenti che hanno fatto a questo post.. però ti posso dire che sono momenti che capitano... io lavoro già da qualche annetto e nel frattempo provo anke a studiare..eppure ho sempre trovato anke il tempo per fare altre cose...
l'anno scorso invece ho avuto i miei mesi di "catena totale" in cui non avevo più voglia di vedere le stesse persone, gli stessi posti, alzarmi la mattina ecc ecc.. volevo solo starmene a casa a leggere e guardare la tv... ma poi passa... e quando mi sono ripresa ho capito che dovevo uscire ma solo per fare quello che mi andava davvero di fare e non uscire tanto per stare fuori di casa... questa è la mia esperienza, ognuno vive la sua.
Diciamo che ho capito che non importa uscire sempre tanto per, ma uscire per divertirsi e ricordarsi di queste serate.se un venerdì sera mi va di stare a casa ci sto punto e basta senza pensare "ah ma se esco chissà chi c'è...". Perkè io di certe serate ne avevo veramente piene le palle!
Bè scusate il mio commento che si è trasformato in uno sfogo!! ... ma si è capito qualcosa di quello che ho scritto?!!? :D

il reggiano ha detto...

citando Don Buro(Christian De Sica in Vacanze in America):''Beata ignoranza, te fà sta bbene de testa, de core...e de panza!!!''

patty ha detto...

@ reggiano: alla fine c'hai ragggione te!!!!tante seghe mentali x niente ^____^!!!

@francesca: ciao benvenuta!!!ma..hai un blog anche tu??;)

Giu ha detto...

Dai Selma, sono momenti che passano...Se può aiutarti sappi che io nell'ultimo mese mi sono data alla lettura di 200 libri, studio di cose che mi interessano davvero, al tennis, alla bicicletta, alle passeggiate..Mi sono distratta ma la fase down nn è ancora passata del tutto...é che è insito nell'animo umano il momento down secondo me...
Passerà e riderai delle tue "sfighe" molto presto! In fondo pensa che anche solo un problema "sentimentale" fa piu male e tu almeno x questo problemi proprio non ne hai!
Forza e coraggio, devi solo aspettare che passi! In fondo chi è che non si deprime con l'autunno?
Pensa a me che per colpa di una impuntata di 1 prof inutile del 1 anno non mi sono potuta laureare e nell'ultimo anno avevo fatto di tutto per realizzare questo obiettivo.
Bisogna soltanto non pensarci.
BACINO! TVB.

selma ha detto...

non ho mai preteso di essere compatita, non ho mai detto di avere grossi problemi o di stare male, anzi, piu volte ho sottolineato di stare bene, di non avere bisogno di nulla... e credo che la mia persona sia quotidianamente il ritratto della felicità.
non volevo lamentarmi della mia vita universitaria, c'è chi ne ha più diritto in fatto di sfiga e di stronzaggine altrui, nè cancellare con piagnistei il momento di defiance di cui ho "colpa"solo io...o che mi ci voleva, nn rimpiango nulla in fondo.
la mia era solo una riflessione, anzi, era la trasposizione scritta di una mia lunga riflessione di questi giorni se nn mesi, perche credo o credevo che il blog servisse anche a questo oltre che alle solite minchiate...non cercavo cqualche consiglio o consolazione, tanto sono cos eche passano col tempo e chi vivrà vedrà. i post anni ottanta e le digressioni alcoliche sono più semplici e gradite, si sa, ma uno poi scrive quello che vuole.....senza la pretesa di far sempre ridere o creare lunghi dibattiti.
nn ho mai detto di essere sfigata, nè mi sono lamentata della mia vita in quanto tale: il mio era un discorso piu sottile, piu particolare, EVIDENTEMENTE forse poco comprensibile, sull'insoddisfazione profonda che si prova in certi periodi, sul duro momento che è il cambiamento tra una tappa e l'altra della vita, sulla necessità di nuove motivazioni E SUBITO, perchè quelle che si hanno non bastano più, perchè quello che esaltava oramai nn esalta più, perchè si cresce si cambia e si cerca del nuovo, perchè nn si vive così,per inerzia, ma inseguendo sogni e desideri, prospettive e risultati e se vengono a mancare questi punti fermi lasciano vuoto ed instabilità. ed a volte cambiano, vanno rinnovati e rivisti, soprattutto in momenti come questo.
condivido perfettamente quello che ha scritto francesca, ci sono delle fasi in cui ci si ferma a pensare e io ho fatto solo questo: mi sn fermata e ho scritto quello che penso. la parola MALESSERE è abusata nn solo da me, ma da tutti coloro che la citano nell'angolino, dalla maggiornaza almeno.il mio era semplicemente un pensiero sul fatto che ci si affaccia al futuro, che ci si abbandona al destino, che ORA è IL MOMENTO, anzi, TRA POCO LO SARà E SPAVENTA TUTTI, ma è necessario e comincio ad averne voglia davvero, che siano le sette del mattino o che ne so, sicuro nn starò bene come in questi anni, ma nemmeno ora sto bene in questi panni che vesto, nn sono più i miei e mi sento trascinata dalla vita, sento la necessità di prenderla in mano io e tirarla dove voglio io. il glitter e tutti quei discorsi erano solo per dire che non mi godrò mai a fondo quello che vivo se non lo faccio con uno spirito diverso e più consapevole. e che è difficile sacrificarsi e decidere di fare SUL SERIO, dopo tanta spensieratezza e tranquillità, è difficile tornare a mettersi in gioco dopo essersi abbandonati alla vita con serenità e noncuranza.
questo era il succo. poi,MAGARI, ME LO SONO INVENTATO.

patty ha detto...

si vabbè, parlando in soldoni, prima la tiri x le lunghe x mesi, poi ORA di punto in bianco ti rendi che sta situazione di stallo ti sta stretta e improvvisamente senti l'esigenza di lavorare, guadagnare, prendere in mano la tua vita...a parte che la tua vita in mano CE L'HAI, e sta solo a te renderla migliore, poi in genere nella vita nn è che basta uno schioppo di dita e le cose cambiano, in genere esistono i periodi di transizione, come questo..tu nn stai VEGETANDO, facendo qlla tesi maledetta stai costruendo il tuo futuro, anche ora, anche metntre scrivi...nn sei FERMA, sono tanti piccoli passi avanti che ti porteranno poi a sto benedetto camabiamento che tanto vuoi...anche se personalmente x qnto mi riguarda posso sentire l'esigenza di lavorare giusto giusto x guadagnare ed avere una mia indipendenza, ma dato che IO RIMARRO' IO in qualsiasi contesto finisca in futuro, sinceramente credo proprio che continuerò ad esaltarmi x le stesse cose e fare esattamente qllo che faccio ora, nn significa che un cambiamento lavorativo/universitario debba x forza cmabiare il modo di vedere la vita..poi x te nn so.
e in ogni caso ribadisco che NN 6 IN UNA FASE DI STALLO, le MOTIVAZIONI le hai ECCOME, e mai come ora!!!NON STAI vivendo per inerzia e al contrario di qnto dici PROSPETTIVE E RISULTATI li stai inseguendo mi pare..anzi, sono L'UNICO GRANDE OBIETTIVO di questo periodo mi sembra!!!!!UN conto se fosii disoccupata e nn sapessi cosa fare della tua vita, QUELLO è UNO STALLO, non una che ha IL MEGAOBIETTIVO di laurearsi che si avvicina di giorno in giorno!!!!!è QLLA LA TUA MOTIVAZIONE, NE VUOI UNA + GRANDE DI COSì??????????
ps:ed in ogni caso nn mi sembra di aver mai detto che qua si debbano scrivere solo cagate, anche xchè nnè mai stato così..ma se esponi un tuo pensiero in luogo pubblico, penso di avere diritto di dire la mia e se nn sono d'accordo di dissentire.
sennò se vuoi la prossima volta faccio come tutti gli latri e ti sparo un bel TI CAPISCO.

Bestès Lone Wolf ha detto...

Io voglio fare il RICCO.
Qualcuno sa se hanno già bandito il concorso?
No, sapete... già per motivi di laurea mi son perso quello da BENESTANTE e mi son trovato a pane e sangue per anni..
Scazzare anche questo...

Giu ha detto...

Uhm...Sapete che amo farmi i fatti altrui e vi dirò la mia...
secondo me qui c'è semplicemente tensione da cambiamento in agguato!Siamo tt terrorizzati dal fatto che tra poco, volenti o nolenti, tutto cambierà nella nostra vita!
Solo che ognuno la vive a modo suo...Selma la sta vivendo in modo 1 po' negativo (forse anche perchè è malata e di sicuro questo non aiuta)...
é normale essere tesi, come è normale essere depressi, ognuno ha il suo modo di reagire!
Ora vi saluto bimbe, perchè vado a fare 10 lunghi km in bici per ammazzare la noia...Ah selma come ti capisco!!Maledetta noia (cosi ho citato anche califano che ne valeva la pena!)...
Detto tutto capisco anche il terrore della Patty che tra 2 sett compie il grande passo e conoscendo quanto è ansiogena, temo che esploda da 1 momento all'altro!
PS poi mi dovrei iscrivere anche io al concorso per ricchi!
Ci siete anche voi? Ma quanto costa iscriversi??
Bacini a tutte!

il reggiano ha detto...

sono d'accordo, i cambiamenti mettono ansia, paura, malinconia e quant'altro..per questo io mi vesto sempre uguale, come i cartoni animati.

il reggiano ha detto...

sono d'accordo, i cambiamenti mettono ansia, paura, malinconia e quant'altro..per questo io mi vesto sempre uguale, come i cartoni animati.

francesca ha detto...

@patty: sono tonnina... quella del blog belle ma lente... :D

Prescia ha detto...

cara...
io mi sono ritrovata migliaia di volte come te ...
studiavo per un concorso quasi impossibile...
che con occhiaie, perdita di sembianze umane e durissimo lavoro alla figlia di ned flanders ho vinto...
vivevo perennemente con la voglia di shopping...
la voglia di andare dal parrucchiere e non fare una mazza tutto il pomeriggio...
ma il mio massimo momento di trasgressione era il the alla mela delle 17!!!!
avevo una tuta dimensione danza ormai usurata...le pantofole con l'orso e delle calze di lana davvero antistupro....
fumavo come una dannata e la mia camera sembrava una fabbrica...
ma sai...
rifarei tutto...
perchè il risultato che ho raggiunto mi ripaga di tutto...
e così ti dico...
quando si rincorre qualcosa...che per noi conta e vale...ogni sacrificio scompare nel momento in cui si raggiunge l'obiettivo...
quindi ....forza e coraggio...ma concediti dei momenti di sserissimo shopping...per noi donne si sa ..lo shopping fa miracoli!!!!! ;)